1 luglio 2012

La pozza


Non ti faccio passare, no.

Inutile che sbuffi, muovi lo sguardo dal mio cestino stracolmo alle due cosette che hai in mano.
Non ti faccio passare e anche la cassiera in cuor suo mi dà ragione, lo so: lei sta qui a lavorare di sabato mattina, poraccia, e io scoppio di caldo con questa camicia.
Tu invece sembra che ce lo vuoi sbattere in faccia che sei in vacanza: sei venuta al supermercato apposta, mica perché ti servivano davvero la crema solare e Vanity Fair, figuriamoci!
Arrivi in pantaloncini e canottiera, con lo zainetto in spalla e l’aria allegra, ti fai due giretti tra gli scaffali e pensi “ora faccio vedere un po’ a questi stronzi che sto andando in piscina”.
E vacci in piscina, vacci! Ma intanto io questi dieci minuti te li rubo, ti faccio stare in fila mentre pago con calma, conto gli spicci e metto in busta gli assorbenti di mia moglie. 
Non ti faccio passare!


Quando le gazzelle si abbeverano ad una pozza, il leone le osserva da dietro i cespugli. Quando le ragazze si siedono sul bordo a bagnare i piedi, il lampadato con tatuaggio tribale usa minore circospezione nello squadrarle ben bene. Il capo è rasato, la coscia depilata, i pettorali brillano di olio al cocco e il costume è bianco a mutanda. L’approccio al 90% fallirà.


“Mi si nota di più se non faccio il bagno e me ne sto qui sul lettino a leggere. Quel tamarro lì cosa crede di fare? Alle ragazze di oggi piacciono quelli come me, con la barba e gli occhiali, che se ne stanno in disparte e pensano alle cose importanti. Belle tette questa qui a fianco! Ora sposto la mano dalla copertina, così vede che leggo Bukowski. Oh ma perché non alza lo sguardo? Che, è morta? Quanta fatica per una trombata!”


Cinquant’anni e non sentirli. I capelli neri corvini, la pelle cotta come un biscotto, le costole a vista e un grosso tatuaggio alla base della schiena. Ma la cellulite non risparmia nemmeno le più assidue del GAG e il costumino striminzito, comprato nella sezione “bimba” di H&M, forse non è stato questo grande affare.


Dopo le 16 non guardate l’acqua troppo a lungo: no, non è l’abisso che vuole guardare dentro di te. Sono i capelli e le pellicine che galleggiano e ti fanno rimpiangere il tête-à-tête  a casa col ventilatore.



21 commenti:

  1. ehehehehheh

    eh il vecchio Charles B. fa' sempre un certo effetto... è più potente di una tartaruga!
    ;P
    però la cattiveria da prodotto in fila è inaccettabile , magari la cassiera ha pure finito la carta dello scontrino apposta!
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Charles B. degradato a Fabio Volo di quelli che ci credono!
      Ah, colgo l'occasione per dirti che hai un blog che adoro! ^^

      Elimina
  2. Risposte
    1. Tutta un'altra storia.

      Elimina
    2. A me cadono pezzi di pelle larghi centimetri, devo rivedere l'idea di andare in piscina!

      Elimina
  3. Tanti motivi per non andare in piscina. In realtà commento solo per dirti che ho visto i primi tre episodi di Games of Thrones!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, lo so che era al singolare game, m'è scappato dai.

      Elimina
    2. Sono così orgogliosa di te!

      Elimina
  4. Fratello Macchina2 luglio 2012 12:09

    Lo dico per il tuo bene: si dice COSTE.
    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=128616577158597&set=a.126775214009400.14875.126767390676849&type=3&theater

    Incredibile come una semplice giornata in piscina possa essere trasformata in un diario di guerra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo so che lo fai per il mio bene, fratello, ma ogni volta qualcosa di me rotola via...

      Elimina
    2. No figurati questa è una finezza che conosciamo solo nella nostra casta, si rischia la radiazione a dire cost***

      Elimina
  5. Ahahahah

    Comunque guarda, ti giuro che quella pozza sarebbe stata lo stesso più allettante del ventilatore di casa. Il ventilatore che ti rinfresca mentre studi, dico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi giorni davanti al ventilatore mi sento come un salame all'essiccatoio. Forse hai ragione, meglio la pozza.

      Elimina
  6. Il primo paragrafo è un ottimo spaccato sulla condizione in cui verte la nostra società. Andrebbe approfondito e studiato. Invoglia a porsi numerose domande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo averlo scritto l'ho riletto e mi son detta "'mazza che tristezza!". L'uomo che compra gli assorbenti per la moglie mi spezza sempre il cuore comunque.

      Elimina
  7. Quanta umanità! Piscina..mai più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa non si fa per un po' di refrigerio!

      Elimina
  8. Saranno 8/9 anni che non vado in piscina. Per refrigerarmi ho trovato un laghetto cristallino vicino casa. Ci trovi al massimo qualche famiglia con pargoli, o qualche pensionato/a... Ragazzi&ragazze dalla sciallanza al 100%. Lì almeno non ti senti fuori posto. Un caro saluto, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, tu vivi in un posto dove ci sono i laghetti cristallini, cristo quanto ti invidio! *__*

      Elimina
  9. ma poi che piscina è? Una villa fiorentina di campagna con il cortile invaso da un manipolo di bagnanti di Ostia beach? Buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una specie xD Grazie, anche a te!

      Elimina